Ecco il "pensiero del giorno" di oggi (li raccogliamo qui) nel quale Robert Hanz ci prospetta alcune interessanti _Best Practice_ su come fare il GM in _Fate_, seguendo i capitoli relativi del manuale e aggiungendo utili consigli basati sull'esperienza. Ricordiamo che i Pensieri del Giorno sono scaricabili nella prima raccolta epub (The Book of Hanz) dal sito della Evil Hat, che ne ha definito una sorta di ufficialità, ospitandolo sul proprio sito.

Trovate l’originale di questo articolo qui.

Come faccio il GM in Fate Sistema Base

Nota: Questo è il modo in cui Io gestisco Fate. Non è l’unico o il migliore. Non è l’Unica Vera Via, mentre le altre sono Vie Cattive che Portano al Divertimento Sbagliato. Ma è come lo gestisco io, e sembra adattarsi bene al sistema.

Passo Uno: la Presentazione

Durante questa fase dico semplicemente a qualche persona “Hey, giochiamo Fate!”. Includerò una descrizione generale del tipo di gioco a cui sto pensando: “Giochiamo a qualcosa di fondamentalmente fantasy!” “Facciamo una campagna basata su Brutal Legend!” o qualcosa del genere. Non ho ancora moltissimo in mente a questo punto: forse qualcosa come una storia o un tema generici, ma tengo il tutto deliberatamente vago.

Ecco il "pensiero del giorno" di oggi (li raccogliamo qui) nel quale Robert Hanz fa un ragionamento su cme gli Aspetti e il loro legame ai Punti Fato sia un metodo, in Fate, di emulare alcuni schemi narrativi presenti in libri e film. Ricordiamo che i Pensieri del Giorno sono scaricabili nella prima raccolta epub (The Book of Hanz) dal sito della Evil Hat, che ne ha definito una sorta di ufficialità, ospitandolo sul proprio sito.

Trovate l’originale di questo articolo qui.

La logica non tanto nascosta di pagare per invocare gli Aspetti

(Wow, titolo lungo.)

Ok, una delle cose sulle quali sono inciampato più spesso quando ho cominciato a giocare a Fate (a parte la mancanza di statistiche/abilità, questa fu notevole) fu il fatto che potevo affermare cose come I Guizzanti Muscoli Barbarici per il mio guerriero barbaro, ma non facevano nulla a meno che non spendessi un Punto Fato su di essi.

Voglio dire, veramente, eh? Gli Aspetti sono come la combinazione dei vantaggi e degli svantaggi di GURPS, solo più liberi all’interpretazione, giusto? Se fossi molto forte, avrebbe senso che fossi sempre molto forte, e significherebbe un bonus costante. Voglio dire, il mondo funziona così, giusto?

Ecco il "pensiero del giorno" di oggi (li raccogliamo qui) nel quale Robert Hanz ci spiega perché Stress e Conseguenze non siano un sistema di Danno, perlo meno come siamo abituati a conoscerlo. Ricordiamo che i Pensieri del Giorno sono scaricabili nella prima raccolta epub (The Book of Hanz) dal sito della Evil Hat, che ne ha definito una sorta di ufficialità, ospitandolo sul proprio sito.

Trovate l’originale di questo articolo qui.

Fate non ha un sistema di danno

Seriamente, Fate non ha un sistema di danno. Voglio dire, leggete i manuali. Dove dice “danno”? Abbiamo lo Stress, abbiamo le Conseguenze, ma niente che dica Danno.

E sembra che abbiamo due modi per interpretare questa cosa. “No, veramente, intendono danno, semplicemente non l’hanno detto.” Questo significherebbe che Fred Hicks e Leonard Balsera sono incompetenti, non avendo usato il termine giusto. Non lo penso nemmeno per un secondo.

Sottocategorie

Questa è una collezione di riflesisoni su Fate Sistema Base, fatte da Robert Hanz su Google+.

Raccolte da Tomasius Padeliensis.

Tradotte da Nicola Urbinati.

Originale V01.00, 20140909

Traduzione V01.00, 20160128