Ecco il "pensiero del giorno" di oggi (li raccogliamo qui) che nel quale Robert Hanz parla del Conflitto (soprattutto con PNG Principali) come un gioco a chi è disposto arischiare di perderedi più per ottenere il proprio risultato. Ricordiamo che i Pensieri del Giorno sono scaricabili nella prima raccolta epub (The Book of Hanz) dal sito della Evil Hat, che ne ha definito una sorta di ufficialità, ospitandolo sul proprio sito.

Trovate l’originale di questo articolo qui.

Il Conflitto con PNG Principali

(Rischio di incasinarmi un po’ qui. Ovviamente è solo la mia opinione, e sarei felice, come sempre, che qualcuno mi dicesse che sto sbagliando).

In un Conflitto con PNG Principali non interessa veramente chi vince o chi perde, e nemmeno importano veramente le tattiche. Si tratta di un test sul vostro impegno verso i vostri obiettivi. È una battaglia di puntate, un gioco del pollo[1].

In un Conflitto grossomodo bilanciato, dovrebbe avvenire un aumento progressivo della spesa di risorse. Sicuramente, vincereste se dovesse ridursi a un semplice scambio di tiri di Abilità, dopo tutto non costa nulla. Ma, siete disposti a spendere Punti Fato? A questo punto alziamo la posta e passiamo alle Conseguenze: siete disposti a subirle? Siete disposti a rischiare di essere Messi Fuori Combattimento?

Ecco il "pensiero del giorno" di oggi (li raccogliamo qui) che nel quale Robert Hanz parla di come in Fate la Fiction sia più importante della Fisica, e continua a raccontarci scene di Star wars attraverso le meccaniche di Fate. Ricordiamo che i Pensieri del Giorno sono scaricabili nella prima raccolta epub (The Book of Hanz) dal sito della Evil Hat, che ne ha definito una sorta di ufficialità, ospitandolo sul proprio sito.

Trovate l’originale di questo articolo qui.

Fiction, non Fisica

“Fiction, non Fisica”. Mi ritrovo a citare questa frase molto spesso, ed è diventata una delle mie chiavi di lettura per capire Fate. Quando l’ho sentita per la prima volta, credevo che significasse “non ci interessa il realismo, qui!”, che è certamente parte del discorso, ma non basta a descriverlo completamente, e probabilmente non ne è nemmeno la parte più importante (dopo tutto, si può avere fiction realistica).

Per come ho capito questa frase, essa significa che Fate vuole modellare il modo in cui le storie fluiscono nei principali media: film, racconti, ecc...

Ecco il "pensiero del giorno" di oggi (li raccogliamo qui) che nel quale Robert Hanz parla di come gestire il passaggio Conflitto, Sfida e Competizione in modo coerente sfruttando il Frattale di Fate,e applica il concetto a una scena famosa da uno dei film di Star Wars. Ricordiamo che i Pensieri del Giorno sono scaricabili nella prima raccolta epub (The Book of Hanz) dal sito della Evil Hat, che ne ha definito una sorta di ufficialità, ospitandolo sul proprio sito.

Trovate l’originale di questo articolo qui.

Conflitti (come Competizioni e Sfide) come struttre per la gestione del ritmo a livello di Campagna/Scenario

Una delle cose che ho rimescolato nel retro della mia testa è la ricerca di un metodo per aggiungere una struttura più ampia in una campagna di Fate. L’idea è presa abbastanza direttamente da Burning Empires (e in grado minore da Mouse Guard). C’è qualcosa che mi soddisfa nell’idea stessa. Si combina anche con la mia idea di sfide tramite il frattale (vedere: https://plus.google.com/108546067488075210468/posts/87wrm6yrdWx). Ho solo inquadrato meglio in testa la cosa, abbastanza da condividerla.

Solo una nota: non so se sia una buona idea. Potrebbe essere una cattiva idea. Semplicemente è il mio primo pensiero su come implementarla.

Sottocategorie

Questa è una collezione di riflesisoni su Fate Sistema Base, fatte da Robert Hanz su Google+.

Raccolte da Tomasius Padeliensis.

Tradotte da Nicola Urbinati.

Originale V01.00, 20140909

Traduzione V01.00, 20160128