Conflitto- chiarimento su obiettivi e fare del danno

  • Anonimi
  • Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
6 Mesi 4 Settimane fa #213 da Anonimi
COM_KUNENA_MESSAGE_CREATED_NEW
Rileggendo il manuale base, capitolo Conflitti, mi è rimasto impressa questa frase:
" Se i personaggi coinvolti hanno entrambi l’intento e l’abilità di danneggiarsi l’un l’altro, allora vi trovate in una scena di conflitto."
la domanda dunque è: se io vengo coinvolto in un conflitto da un avversario che vuole aggredirmi, ma scelgo di non voler fare del male il mio avversario (magari per un motivo serio) sono davvero coinvolto nel conflitto? da questa definizione direi di no. Ma a quel punto come devo organizzarmi da Giocatore e da Master? uno o più PG/PNG sono in un conflitto o peggio, bersaglio di un conflitto e altri no?

Inoltre,
nel paragrafo "Stabilire le Parti" chiede di settare l'obuiettivo. Anche quì non mi è chiaro. L'obiettivo è sempre inerente allo "samzzulare qualcuno" o posso dichiare di voler ottenre "altro" usando la forza?
Ad esempio, posso convincere qualcuno (picchiandolo) di dirmi la verità che tiene celata? Direi di sì perchè decide chi vince come viene messo fuori combattimento...però dice anche di non uscire dall'ambito di conflitto e questo quindi limita l'obiettivo. E' quindi un abiettivo valido?
Mi spingo oltre, posso ottenere obiettivi che non dipendono direttamente dal picchiare e quindi mettere KO qualcuno? Ovvero un obiettivo correlato se vogliamo come, Liberare il mio compagno imprigionato nelle segrete senza dover mettere fuori gioco tutte le guardie che sorvegliano la cella. e anche se le facessi fuori, chi mi dice che riuscirei nell'intento e non ne arrivino altre appena eliminate quet'ultime?

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Anonimi
  • Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
4 Mesi 1 Settimana fa #214 da Anonimi
COM_KUNENA_MESSAGE_REPLIED_NEW
Ciao,

Mi scuso per il ritardo, è un po' che il forum è poco fruito, e ci passano sotto silenzio alcuni post.

Provo a rispondere per punti.

1) Se non c'è la reciprocità, non è "conflitto": niente turni e niente zone, per esempio. Semplicemente si segue "la fiction" usando le quattro azioni. Se qualcuno tenta di aggredirti, dovrai difenderti o evitare il colpo, ma se non rispondi non è conflitto, farai altro (per esempio fuggi? Potrebbe diventare una competizione...). Si possono avere situazioni in cui ci siano personaggi in conflitto e altri no (un PG cerca di aprire una porta mentre gli altri gestiscono le guardie dandogli tempo...), allora la scena è conflitto (turni, zone, ...) e nel proprio turno il personaggio che tenta di aprire la porta, invece che attaccare, tenterà di scassinare.

2) Gli obiettivi, in genere, sono chiari dalla situazione. Perché vuoi "far fuori" l'avversario? Di solito è per ottenere qualcosa, e quel qualcosa va chiarito e deve essere ottenibile facendo fuori l'avversario.
Non dovrebbe bastare "voglio farlo fuori", altrimenti viene meno poi la regola di "concessione" (non posso concedere all'avversario l'obiettivo di farmi fuori, sopravvivendo).
E dovrebbero essere concessi: se faccio fuori le guardie per liberare il mio amico, vuol dire che è chiaro che siano l'ultimo ostacolo per liberarlo, e allora lo libero. Potrei anche dover capire come aprire la sua cella, come altro ostacolo, ma le guardie me le sono lasciate indietro, e al massimo potrebbero arrivarne altre solo come costo di un successo con costo, per esempio per aprire la porta della cella.

Un esempio particolare. "Voglio farlo fuori perché ha ucciso mia sorella". Sembra un semplice "voglio farlo fuori" che stonerebbe con quanto detto sopra, e invece no. L'obiettivo è chiaramente la vendetta. Nel caso di concessione, il tizio avrebbe salva la pelle, lasciando però sul campo qualcosa, per esempio il proprio onore o la sua appartenenza alla comunità, come pegno per la vendetta, che l'altro deve comunque ottenere, come suo obiettivo.

Spero di aver chiarito al meglio i dubbi.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Powered by Forum Kunena