Un approfondimento di Nicola Urbinati

Da una discussione sulla difficoltà di un conflitto, mi è nata l'idea di provare a spiegare cosa significhi questa cosa.

Proverò a farlo citando il manuale, e un articolo di Richard Bellingham postato da Freed Hicks su http://www.faterpg.com/

Non ha quasi nessuna attinenza con l'argomento della discussione di partenza, ma si focalizza su una questione che è nata lì.

Non vuole essere un "vi sbagliate a giocare Fate" o un "non potete giocare Fate così", ma un "se chiedete come funzionano gli Aspetti in Fate, beh, da manuale funzionano così".

Autore: Scott Martin

Traduzione: Nicola Corticelli

Amo Fate Sistema Base, e mi piace mostrarlo alle convention. Per molto tempo ho speso molti sforzi nella creazione di personaggi pregenerati, ma parecchi giocatori non si identificano facilmente con i personaggi preconfezionati. Volevo un sistema che portasse alla rapida identificazione con i personaggi, ma che non prendesse troppo tempo, dal momento che doveva inserirsi in una one-shot da convention.

Una soluzione avrebbe potuto essere quanto scritto nel manuale di Fate Sistema Base: la Creazione Veloce del Personaggio. L’ho usata alcune volte (per esempio in una partita di Super Eroi con Fate Accelerato) ed è andata abbastanza bene, ma si perdono tutti i vantaggi dal costruire un personaggio in anticipo (come fare in modo che i personaggi si adattino al mondo e all’avventura, e utilizzare le loro competenze chiave).

Autore: Ryan M.Danks

Traduzione: Nicola Corticelli

Nel mio viaggio senza fine nel cercare di semplificare le cose per il Game Master (GM), mi è venuta in mente un’idea che vorrò testare nella mia prossima giocata: l’avventura frattale.

Come funziona?

Quando si crea un’avventura, prima di esporre tutto narrativamente come si farebbe di solito, bisognerebbe prendere ogni scena e generare un’aspetto su di essa come se in ogni scena ci fosse un’area con tre zone. A quel punto si dovrebbe creare la piramide delle difficoltà usando l’apice di quella delle abilità dei Personaggi Giocanti (PG) come statistica media e andare su e giù da quel punto. Sarebbe meglio registrare le difficoltà in modo simile al FAE, “Capace in/ Incapace in”. Per aggiungere un Personaggio Non Giocante (PNG), semplicemente forniscigli (fornisci a loro se è un gruppo) un aspetto o due per caratterizzarli meglio (questi ultimi dovrebbero provenire dagli aspetti dell’avventura), e uno o più talenti (molto probabilmente la versione che fornisce il +2) per mostrare dove è particolarmente abile. Tutto il resto lo fanno tirando con le statistiche dell’avventura. Oh, e non dimenticate le loro caratteristiche vitali: Stress/Conseguenze.

Di seguito un esempio di un’avventura costruita usando questo metodo (se volete playtestarlo, fatemi sapere com'è andata):

Sottocategorie

Questa è una collezione di riflesisoni su Fate Sistema Base, fatte da Robert Hanz su Google+.

Raccolte da Tomasius Padeliensis.

Tradotte da Nicola Urbinati.

Originale V01.00, 20140909

Traduzione V01.00, 20160128