CAPITOLO 2 – CREAZIONE DELLA PARTITA – COSA RENDE AVVINCENTE UNA PARTITA DI FATE?

Potete usare Fate per raccontare storie di molti generi diversi, con una grande varietà di presupposti. Non esiste un’ambientazione di riferimento; la creerete voi stessi. Le migliori partite a Fate, comunque, hanno qualcosa in comune tra loro, che pensiamo mostrino al meglio l’obiettivo stesso del gioco.

Che stiate parlando di fantasy, fantascienza, supereroi, o di coraggiosi poliziotti, Fate funziona al meglio se lo utilizzate per raccontare le storie di personaggi proattivi, competenti, e drammatici.

PROATTIVITÀ

I personaggi in una partita di Fate dovrebbero essere proattivi. Data la varietà di abilità che possiedono, si prestano a risolvere attivamente i problemi che incontrano, e non dovrebbero sentirsi timidi a usarle. Non dovrebbero stare seduti in attesa che la soluzione a una crisi arrivi da sola: si attivano e utilizzano tutte le loro energie, prendendosi dei rischi e superando gli ostacoli per raggiungere i loro obiettivi.

Questo non vuol dire che non pianificano o non preparano mai una strategia, o che siano superficiali fino all’eccesso. Significa semplicemente che anche il più paziente tra loro potrebbe infine alzarsi e agire in modo tangibile e dimostrabile.

Ogni partita a Fate dovrebbe offrire ai personaggi una chiara opportunità di essere proattivi nella soluzione dei propri problemi, e proporgli una varietà di alternative nell’affrontarli. Una partita che narra di bibliotecari che spendono il loro tempo tra tomi polverosi a imparare nozioni non è Fate. Una partita su dei librai che utilizzano conoscenze dimenticate per salvare il mondo lo è.

COMPETENZA

In una partita di Fate i personaggi sono bravissimi in tutto. Non sono goffi buffoni che quando tentano di fare qualcosa fanno regolarmente figure ridicole; sono invece individui molto abili, talentuosi o ben allenati capaci di cambiare visibilmente il mondo in cui vivono. Sono le persone giuste per il lavoro, e vengono coinvolti nelle crisi perché hanno buone possibilità di risolvere tutto per il meglio.

Questo non significa che abbiano sempre successo, o che le loro azioni siano senza conseguenze indesiderate. Significa soltanto che quando falliscono, non è a causa di scarsa preparazione al rischio o di sciocchi errori. In qualsiasi partita di Fate si dovrebbero trattare i personaggi come fossero persone competenti, degne delle sfide e all’altezza dei rischi che si troveranno davanti. Una partita che narra di netturbini costretti a combattere dei supercattivi trovandosi sempre a prendere calci e a essere ridicolizzati non è Fate. Una partita che narra di netturbini che diventano una squadra d’assalto anti-supercattivi lo è.

DRAMMA

I personaggi in una partita di Fate conducono vite drammatiche. Per loro la posta in gioco è sempre alta, sia in termini di ciò che hanno da gestire nel loro mondo, sia in termini di ciò che hanno da gestire nei 15 centimetri tra le loro orecchie. Come noi, hanno problemi interpersonali e combattono le proprie battaglie personali, e sebbene le circostanze esterne delle loro vite possono avere portata molto maggiore rispetto alle nostre, possiamo lo stesso relazionarci con loro e simpatizzare per loro.

Questo non significa che spendono tutto il loro tempo compiangendosi per il proprio dolore e la propria miseria, o che tutto nelle loro vite sia una crisi da far tremare il mondo. Significa semplicemente che le loro vite li portano a fare scelte difficili subendone le conseguenze; in parole povere, significa che sono essenzialmente umani.

Una partita di Fate dovrebbe sempre fornire il potenziale e l’opportunità per portare un po’ di dramma ai personaggi e tra di loro, e fornirvi la possibilità di relazionarvi con loro come persone. Una partita che parla di avventurieri che sconfiggono schiere sempre più numerose di avversari sempre più potenti non è Fate. Una partita che narra di avventurieri che si sforzano di condurre vite normali nonostante il loro destino li porti a combattere il male supremo lo è.

QUANDO CREATE LA VOSTRA PARTITA:

  • Ambientazione: Decidete com’è il mondo che circonda i protagonisti.
  • Scala: Decidete quanto epica o personale sarà la storia che racconterete.
  • Problemi: Decidete quali sfide e pressioni inerenti all’ambientazione sproneranno i protagonisti all’azione.
  • PNG: Decidete quali siano i luoghi e le persone importanti per la storia.
  • Abilità e Talenti: Decidete il tipo di cose che i personaggi si troveranno a voler fare nell’ambientazione.
  • Creazione dei Personaggi: Create i PG.